Pasqua

Il Cristo Risorto e la “corsa” dei Sanpauluna

La domenica di Pasqua è il giorno de “I Sampauluna”, giganti in cartapesta che rappresentano i dodici Apostoli, che attraversano il corso principale della Città durante la rappresentazione del giorno della Resurrezione di Gesù Cristo, curata con notevole impegno e abnegazione dall’Associazione “Giuseppe Amico Medico”.

Sino al 1852, i Sampauluna erano impersonati solitamente da sacerdoti o frati. Tuttavia, nel 1846 si pensò di costruire questi giganti processionali. L’artista Michele Butera ricevette, a titolo di caparra per la loro costruzione, 1 onza e 25 tarì, ai quali furano aggiunti altri 8 onze e 28 tarì, nel 1851- 1852, per terminarli.

I Sampaoloni, sono giganti con il capo in cartapesta, il corpo cavo con un telaio ricoperto dalle vesti, al cui interno si colloca un portatore, il quale riesce a vedere tramite una fessura posta all’altezza degli occhi. Rappresentano gli undici Apostoli, che il giorno di Pasqua vanno incontro al Cristo risorto. La loro dimensione, rappresenta la grande fede.

L’andatura ritmata de I Sampaoloni, scandita dal suono gioioso della banda musicale, annuncia la fine delle sofferenze, che hanno caratterizzato l’intera Settimana Santa.

Generalmente intorno alle ore 17, ha inizio la rappresentazione: Nei pressi del Santuario di Santa Maria delle Grazie, retta dai Padri Mercedari, è ricomposto il Cenacolo, il luogo, cioè, in cui gli Apostoli si riunirono dopo la morte del loro Maestro, Gesù.

Allo sparo dei mortaretti, inizia una sequenza che rievoca i momenti principali della resurrezione: dall’annuncio dell’Angelo a Maria Maddalena della resurrezione del Cristo, all’arrivo al sepolcro di Maria, madre di Gesù, con gli Apostoli Pietro e Giovanni, che per primi apprenderanno la notizia della resurrezione di Gesù.

no images were found

La Maddalena va al sepolcro, dove era stato seppellito Gesù, rappresentato dall’antico altare allestito presso una cappella detta “U Signuri Scitatu”, ossia il Signore Risuscitato, e, trovandolo vuoto, corre subito ad avvisare la di Lui madre, che rimane incredula, tanto che, per tre volte consecutive, contrassegnate da tre ulteriore spari, la Maddalena fa avanti e indietro tra Madre e Figlio. Solamente la terza volta, accompagnata dall’Apostolo Pietro e dall’Apostolo Giovanni, la Madre di Gesù, Maria, si convince a recarsi al Sepolcro.

 

Ecco, dunque, da una strada laterale arrivare il simulacro di Cristo Risorto, che finalmente incontra la Madre.

Significativo è l’incontro del Cristo con l’Apostolo Tommaso, che inizialmente non crede alla resurrezione. Lungo il corso, portato a spalla il simulacro di Cristo incontrerà l’Apostolo San Tommaso davanti la Chiesa del Rosario: San Tommaso rimane dietro rispetto al gruppo degli altri Apostoli, appositamente, per simulare la sua incredulità, ma alla fine si avvicinerà e si inchinerà al Risorto.

La corsa degli Apostoli Pietro e Giovanni, con l’arrivo al sepolcro del discepolo più giovane per primo e l’incredulità di Tommaso, sono episodi tratti dal Vangelo; mentre l’episodio dell’incontro tra Madre e Figlio è di chiara ispirazione popolare.

Le “Varicedde Ritrovate ” di San Cataldo sono in totale 14 stazioni che rappresentano la “Via Crucis”.
Sono di recente ritrovo e non si conoscono ancora le origini. Anticamente venivano portate in processione da dei ragazzi nel cortile adiacente alla chiesa della Catena.

Sin dal 1980, sia i Sampauluna che le Varicedde sono custoditi dall’Associazione Culturale “Giuseppe Amico Medico”, che ne ha curato il restauro. La stessa Associazione, nel settembre 2006, ha portato i Sampauluna a Tarragona, in Spagna, per la festa della patrona Santa Tecla.

AVVISO COPYRIGHT:
I video e le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari.  Tutti i diritti sono loro riservati. Per chiedere di inserire o rimuovere un video dalla lista, scrivere al webmaster.